Venerdì, 12, Apr, 8:13 PM

Social Network :

Antonio Coviello


ROMA - “L’impennata dei premi dell’assicurazione obbligatoria ha effetti sociali non trascurabili, intervenga il Garante della sorveglianza dei prezzi (c.d. 'Mister prezzi') con suoi poteri di monitoraggio e di verifica per arginare i fenomeni speculativi nel settore assicurativo, affinché siano messe sul tavolo le inefficienze del settore e individuate concrete azioni di tutela degli automobilisti. Ancora più preoccupati questi ultimi, per dover assicurare contro i rischi della circolazione anche le auto ferme, come previsto dalla nuova legge entrata in vigore lo scorso 23 dicembre”. È quanto afferma il professor Antonio Coviello, docente di Marketing assicurativo nell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e Garante nazionale degli assicurati. 
Coviello fa sapere che “l’aumento dei premi dell’assicurazione obbligatoria per gli autoveicoli ha fatto scattare l’allarme della Commissione di allerta rapida, con la regia del “Garante per la sorveglianza dei prezzi”, Benedetto Mineo e del Ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso
Una riunione, convocata come noto nella sala del Parlamentino della sede ministeriale di Palazzo Piacentini, lo scorso 14 febbraio, è servita ad approfondire le tematiche assicurative e, in particolare, le recenti dinamiche dei costi Rcauto: +7,1% annuale, registrato a novembre 2023, anomalie del mercato che si riflettono anche sugli assicurati virtuosi.
“L’industria assicurativa, dal canto suo, ritiene inevitabile un aumento dei prezzi, conseguente all’aumento dei costi della liquidazione dei sinistri. Pesa, secondo l’industria assicurativa, l’inflazione registrata nell’ultimo anno che genera una catena di aumenti, tra i quali i ricambi dei veicoli, della manodopera, ma anche sul risarcimento dei danni alla persona”.
Osserva, però, il Garante nazionale degli assicurati: “Prima di tutto il cliente virtuoso deve essere protetto, grazie a lui il sistema della mutualità assicurativa regge. Un aumento generalizzato finisce per colpire soprattutto gli automobilisti più disciplinati. In secondo luogo, sono anni che il sistema assicurativo fa profitti da capogiro, in particolare nel 2020 favorito dal lockdown. È necessario un focus sugli aumenti perché non sempre risultano coerenti con i rapporti sinistri/premi registrati nelle varie realtà provinciali, cosa che stiamo studiando approfonditamente. Occorre una riforma organica dell’assicurazione obbligatoria perché il settore è imbrigliato da troppa burocrazia. Le agenzie che sono il canale privilegiato del consumatore devono essere messe nelle condizioni di operare con più agilità”.
Coviello fa un esempio: “A che serve obbligare la consultazione di 'Preventivass' (il preventivatore pubblico che consente di confrontare i prezzi Rcauto, ndr)? Va bene averlo a disposizione, purché funzioni bene sia chiaro, ma dobbiamo pensare che l’interesse del consumatore non è quello di ricevere un preventivo standard di contratto minimo, piuttosto è interessato a conoscere la migliore soluzione adeguata alle sue esigenze. Si dia maggiore spazio agli intermediari professionisti di esplicitare al meglio la professione – conclude il Garante degli assicurati Coviello – anche attraverso il rafforzamento della facoltà, prevista dalla Legge 248, di applicare lo sconto sulla polizza Rcauto dei clienti meritevoli. 'Mister prezzi' ha tutti i poteri per scoprire le inefficienze del sistema, ma soprattutto dovrà considerare, con particolare attenzione, la concentrazione del mercato assicurativo italiano in mano a pochi gruppi dimostratisi refrattari alla concorrenza”.
La Redazione

Un momento della riunione al Parlamentino di Palazzo Piacentini a Roma

ARCHIVIO NOTIZIE

GRUPPI AZIENDALI ACCREDITATI SNA