Sabato, 22, Giu, 8:04 PM

Social Network :


MILANO - L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) ha aperto un'istruttoria nei confronti di Intesa Sanpaolo e Isybank, la sua banca digitale. L'obiettivo è capire se l'operazione di trasferimento di circa 4 milioni di correntisti dal primo istituto al secondo sia avvenuta in modo corretto e trasparente.
I motivi dell'istruttoria
L'Antitrust ha ricevuto oltre 2.000 segnalazioni da parte di correntisti che si sono opposti al trasferimento. Le principali motivazioni delle proteste sono le seguenti:
Comunicazione poco chiara e inopportuna: la comunicazione del trasferimento è stata inviata tramite un'apposita notifica sull'app di Intesa Sanpaolo con l'oggetto "Trasferimento a Isybank". Secondo l'Antitrust, la comunicazione è stata ambigua e diffusa in un periodo dell'anno che per molti utenti coincide con le ferie estive.
Perdita di servizi e aumento dei costi: il passaggio a Isybank comporta la perdita di alcuni servizi e funzionalità disponibili su Intesa Sanpaolo, come le carte virtuali e la possibilità di accedere agli sportelli fisici. Inoltre, è possibile che il costo di tenuta del conto aumenti.
Cosa può succedere per i correntisti
L'istruttoria dell'Antitrust potrebbe avere diverse conseguenze per i correntisti coinvolti nel trasferimento a Isybank. In particolare, l'autorità potrebbe:
Acquisire informazioni e documenti da Intesa Sanpaolo e Isybank;
Condurre interviste ai correntisti coinvolti;
Richiamare le due banche a modificare le procedure di trasferimento.
Nel caso in cui l'Antitrust dovesse accertare che il trasferimento sia stato effettuato in modo scorretto, potrebbe imporre a Intesa Sanpaolo di offrire ai correntisti la possibilità di tornare a Intesa Sanpaolo mantenendo tutte le loro condizioni.
Cosa fare se si è stati trasferiti a Isybank?
Se siete stati trasferiti a Isybank, potete verificare la vostra situazione accedendo all'app di Intesa Sanpaolo e andando alla sezione "Comunicazioni della Banca". Se avete ricevuto la notifica "Trasferimento a Isybank", potete:
Contattare Intesa Sanpaolo per chiedere maggiori informazioni;
Chiudere il conto su Isybank e aprirne uno nuovo su Intesa Sanpaolo.
Si resta a questo punto in attesa dell’esito dell’istruttoria e non possiamo altro che rimarcare, ancora una volta, di come Intesa Sanpaolo, un gruppo che qualche anno fa non faceva mistero di voler diventare la prima compagnia assicurativa danni in Italia, dimostri, una volta ancora di come l’etica e la correttezza nei confronti dei propri clienti non sia decisamente fra le priorità del gruppo stesso. Situazioni di “poca trasparenza” si sono già viste in passato sulle polizze casa collegate ai mutui e sulle polizze TCM, sempre vendute contestualmente ai mutui, quindi possiamo tranquillamente dire che non c’è nulla di nuovo sotto il sole.
Tiziano Salerno

ARCHIVIO NOTIZIE

GRUPPI AZIENDALI ACCREDITATI SNA