Sabato, 03, Dic, 12:49 PM

Social Network :

BREAKING NEWS
L'Insurance Connect Award al progetto OPS, sostenuto dal pool Sna, ACB, Konsumer Italia e Share
L'agenzia digitale secondo Sna, nuova tappa a Trani. Il punto con il Coordinatore regionale Puglia del Sindacato, Piero D'Ambrosio
Furti di auto in Puglia, un triste primato nazionale. Importante convegno su criminalità e frodi organizzato dal Regionale Sna a Trani
Aumento della soglia limite per i pagamenti in contanti, il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi scrive al neo Ministro delle Imprese e del Made i

 

MILANO - Sono oramai un pallido ricordo i tempi d'oro quando il Monte dei Paschi di Siena veniva annoverato fra le banche più capitalizzate d'Europa, con una capillare rete di sportelli e un'incredibile fidelizzazione della clientela. Oggi (16 ottobre 2022, ndr) l'istituto vale poco più di 100 milioni di euro, dopo aver bruciato in Borsa miliardi in aumenti di capitale assolutamente infruttuosi. In questi anni, tutti i piani di rilancio posti in essere dagli amministratori di turno si sono dissolti come neve al sole ed i mercati non hanno risparmiato il crudo giudizio finale. Solo nell'ultima settimana il titolo a Milano ha perso oltre il 60% del proprio valore, con un fuggi fuggi dei piccoli investitori che gli analisti non ricordavano da decenni.
In questo contesto non può non balzare agli occhi la volontà di Axa Assicurazioni di perseverare nella partnership industriale con Mps. La compagnia francese, secondo l'agenzia di stampa Reuters, avrebbe dato il proprio placet alla sottoscrizione di parte del nuovo aumento di capitale da 2,5 miliardi di euro (il settimo negli ultimi 14 anni), con un investimento pari a 200 milioni. Un'ulteriore scommessa quella di Axa, perché da tre lustri il colosso francese ha continuato, senza indecisioni, a sostenere finanziariamente l'istituto senese, a fronte di una sempre maggiore penetrazione sulla clientela italiana attraverso la formula della bancassicurazione.
Secondo alcune stime, Axa avrebbe perso circa un miliardo di euro di capitalizzazione, compensato forse in parte dai risultati derivanti dalla collocazione di polizze alla clientela Mps. Una scelta quantomeno discutibile, senz'altro rischiosa ed alternativa a quella degli agenti di assicurazione tradizionali.
Axa è stata già azionista stabile del Monte con una quota superiore al 4%. L'allora presidente Henri de Castries sedeva nel Cda di Rocca Salimbeni. Il legame fra i due sodalizi risale al 2007, quando la compagnia francese acquisì il 50% delle controllate Vita e Danni e delle attività sui fondi della banca toscana. L'accordo fu poi rinnovato nel 2017 con validità per ulteriori dieci anni. Oggi la compagnia francese potrebbe salire fino all'8% del capitale Mps. Sul piatto ci sono, però, dai 3.800 ai 4.000 esuberi di personale.
Luigi Giorgetti

GRUPPI AZIENDALI ACCREDITATI SNA

ARCHIVIO NOTIZIE