Sabato, 04, Feb, 11:17 PM

Social Network :

BREAKING NEWS
Regolamento Ivass n. 51, il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi: Obblighi ingiustificati, sproporzionati e irragionevoli. Urge un rinvio
Riunito a Milano il Comitato dei Gruppi Aziendali Agenti accreditati Sna. Sul tavolo dei lavori ancora il Preventivatore obbligatorio Rcauto Ivass
Esclusione degli agenti assicurativi dal provvedimento "Decontribuzione Sud", il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi scrive al Ministro delle imp
Ricorso del Sindacato contro Enbass, arriva la sentenza di secondo grado. Il punto del Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi


MILANO - Ancora una volta il Sindacato degli agenti di assicurazione si trova costretto ad adire l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) per fare fronte ad iniziative che potrebbero ostacolare, limitare, impedire l’esercizio del Plurimandato e con esso l’autonomia professionale degli agenti assicurativi. Si tratta questa volta dell’Accordo-dati per il quale Generali ha ottenuto la firma di accettazione dei Gruppi Aziendali Agenti Generali (G.A.G.I. di Cirasola, GAAG di Canu, GAAT di Salvi, UNAT di Musto e Anagina di Nicolao).
Si tratta, altresì, dell’Accordo cliente-Generali, in base al quale ogni cliente conferisce alla compagnia, e non all’agente, i propri dati per l’attività consulenziale e per l’analisi dei propri bisogni assicurativi.
Per il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi “un dato vicino al 20% degli intermediari assicurativi operanti in Italia, a seguito delle criticità in precedenza evidenziate, si troverà in una condizione di 'monomandato di fatto'. Tali accordi aziendali realizzano, come spiegano i legali del Sindacato, un grave vulnus per l’intero sistema assicurativo, pregiudicando in modo significativo quegli elementi di libera concorrenzialità che dovrebbero caratterizzare l’attività di intermediazione assicurativa. Il Sindacato - aggiunge Demozzi - ha fortemente contrastato accordi di questo tipo, consapevole degli inevitabili pregiudizi che ne conseguono e degli effetti distorsivi sulla concorrenza, sull’autonomia degli Intermediari e sulle loro prerogative professionali”.
Secondo il Presidente nazionale Sna “molti Accordi-dati sono risultati critici, ma in questo caso sembra di poter dire che sia stato superato ogni limite e che gli agenti insieme ai loro clienti stiano rischiando, su questo fronte, come mai avvenuto in passato”.
La Redazione

GRUPPI AZIENDALI ACCREDITATI SNA

ARCHIVIO NOTIZIE